venerdì 17 febbraio 2012

Strudel di mele

E' un dolce di origine austro-ungarica, per questo in Italia è diffuso soprattutto in Trentino, Veneto e Friuli (tutte terre un tempo sotto la dominazione dell’Impero austro-ungarico). Tuttavia questo tipo di dolce che prevede una pasta ripiena di frutta secca, zucchero o miele, con tutte le sue varianti, è presente da tempi antichissimi, si diffonde in particolare dall’Impero bizantino, nelle cui aree ancora oggi si prepara la baklava, dolce molto popolare in Turchia, nel mondo arabo e in generale in tutto il Mediterraneo, che altro non è che il “cugino” del più conosciuto strudel.

Quella che vi propongo è una ricetta che rispetta molto la tradizione, ma eliminando zucchero e grassi (burro). Il procedimento è molto semplice. 

Ingredienti: 
- 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
- 2 mele*
- 60 g di uva passa
- 30- 40 g di pinoli
- pan grattato q.b.
- 1 cucchiaio d’olio
- 50 g di granella di nocciole
- 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
- 3 cucchiaini di marmellata di albicocche (senza zucchero) o di miele
- qualche pezzettino di cioccolato fondente
- 1 uovo

Procedimento:
Sbucciare le mele*, tagliarle a tocchetti e passarle pochi minuti al microonde in modo che si cuociano in parte, mantenendo la consistenza (1). Intanto mettere a bagno, in acqua tiepida, l’uva passa in modo che si idrati. Srotolare la pasta sfoglia, bucherellarla con una forchetta e cospargerla con un velo di pan grattato e un filo d’olio (al posto del burro) (2).
Mescolare le mele, l’uva passa, i pinoli, il pan grattato, la granella di nocciole, poche scaglie di cioccolato fondente, la marmellata di albicocche (io uso quella della Céréal, che, tra tutte quelle senza zucchero, ha il più basso indice glicemico) o il miele e la cannella in polvere (3).
Adagiare il composto sulla pasta sfoglia (4) e arrotolarla. Praticare dei tagli trasversali per far “respirare” lo strudel (5). Spennellare con l’uovo (6).
Infornare per circa 30 minuti a 180° (…poi dipende dal vostro forno…)
*Ho provato una variante con le pere conference: molti la preferiscono al tradizionale strudel di mele.








-      

5 commenti:

  1. Dalla foto direi che il risultato è eccellente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii!!! Il mio dolce preferito! Grazie Cecilia!

      Elimina
  2. Io salto la precottura. Affetto le mele a julienne, incorporo marmellata o miele, un pizzico di chiodi di garofano in polvere, cannella, e lascio mezz'oretta riposare con un peso sopra, in modo che le mele rilascino il succo che poi elimino. Inoltre non aggiungo olio.
    Ho provato a sostituire la foglia rettangolare con la tonda. Dividendola in otto, realizzo dei cornetti proprio carini!
    Grazie, Serena! La tua grande fantasia è un prezioso aiuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spettacolare! Grazie a te! Questi cornetti sono una grande idea... li farò. Eventualmente se dovessi pubblicarli posso citarti come ispiratrice? A presto! ;)

      Elimina
  3. Io salto la precottura. Affetto le mele a julienne, incorporo marmellata o miele, un pizzico di chiodi di garofano in polvere, cannella, e lascio mezz'oretta riposare con un peso sopra, in modo che le mele rilascino il succo che poi elimino. Inoltre non aggiungo olio.
    Ho provato a sostituire la foglia rettangolare con la tonda. Dividendola in otto, realizzo dei cornetti proprio carini!
    Grazie, Serena! La tua grande fantasia è un prezioso aiuto!

    RispondiElimina

Cosa ne pensate?