sabato 22 marzo 2014

Barrette energetiche senza zucchero

E' primaveraaaa... svegliatevi bambine...
Io mi sono svegliata, ma ho bisogno di tanta energia in questo periodo, ecco perché ho preparato queste barrette che fanno tanto, ma tanto bene!
Alla base di questa ricetta c'è l'avena, uno dei cereali con più basso indice glicemico (IG), per questo particolarmente adatto ai diabetici, ancor meglio se la trovate integrale, ha molteplici proprietà, aiuta a sentirsi sazi e pieni di energia. Inoltre tra le fibre solubili dell’avena vi sono i preziosi beta-glucani, che aiutano a tenere sotto controllo il peso corporeo, hanno la capacità di ridurre il livello di colesterolo nel sangue e aiutano a conservare l’equilibrio degli zuccheri nel sangue. 
Invece che con lo zucchero, queste barrette sono dolcificate con il miele biologico di melata (ma poco, in modo da evitare un picco glicemico), un’ottima fonte di ferro, molto utile per chi segue diete vegetariane, ideale per tutti coloro che praticano attività sportiva: è un ottimo integratore naturale di sali minerali (calcio, magnesio, sodio, potassio) e oligominerali (ferro, rame, cromo), per saperne di più andate QUI.
Immancabili le bacche di goji, di cui potete leggere tutto QUI, e i semi di zucca, un altro alimento assolutamente da inserire nella dieta (io li metto anche nell'insalata, buonissimi!) perché ricco di vitamine F ed E, che esercitano un'azione protettrice delle membrane cellulari, eantiossidante, sopratutto per la combinazione tra vitamina E e selenio.
Infine le mandorle, le prugne secche e l'olio extravergine d'oliva che tutti sappiamo essere alimenti preziosi.
Insomma ho selezionato questi ingredienti per preparare delle barrette energetiche, golose e soprattutto salutari!

Ingredienti:
- 200 g di avena biologica
- 30 g di mandorle secche
- 30 g di bacche di goji 
- 40 g di semi di zucca al naturale
- 3 o 4 prugne secche
- 1 cucchiaino scarso di olio evo 
- 1 pizzico di sale
- 2 cucchiai di miele biologico di melata o di sciroppo d'acero

20-25 g di CHO circa per barretta

Preparazione:
Prima di tutto mettere a bagno, in acqua tiepida, le bacche di goji che dovranno reidratarsi (1). Tagliare in piccoli pezzi le prugne secche (2) e tritare molto grossolanamente le mandorle (3). Mescolare l'avena con i semi di zucca, le mandorle, le bacche, le prugne e un pizzico di sale (4).
Aggiungere un cucchiaino scarso di olio evo (5), due cucchiai abbondanti di miele di melata (6) e mescolare molto bene il composto. Versarlo in una teglia foderata con carta da forno, in modo che abbia uno spessore di poco più di un centimetro, e compattarlo con le mani con l'aiuto di un altro pezzo di carta da forno (7). 
Infornare a 140° circa per circa 30 minuti, l'avena dovrà apparire tostata. Sfornare e tagliare in sei barrette. Se non vi sembreranno dei perfetti parallelepipedi non fa niente, potranno essere perfezionate una volta indurite. Lasciare raffreddare le barrette, prima di consumarle.

Non tornerete mai più alle barrette energetiche industriali!!!
















11 commenti:

  1. Bellissima ricetta! Sono mesi che voglio provare a farle anche perchè ormai le barrette di cereali sono l'unica cosa che continuo a comprare di confezionato. Le tue sono perfette e con tutti gli ottimi ingredienti che hai utilizzato saranno veramente buonissime e salutari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisabetta! Infatti io non le compro più, le faccio la domenica e le consumo durante la settimana. Spesso le sbriciolo nello yogurt! Poi vario gli ingredienti anche in base alla stagione, però questo mix è perfetto secondo me! A presto e grazie ancora per il tuo commento!

      Elimina
  2. Eh si, sembrano così deliziose che poi non si torna indietro a quelle industriali!
    Brava :)

    Buona domenica

    The Lunch Girls

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero Sara, tutta un'altra storia! Grazie, baci!

      Elimina
  3. Che meraviglia!! Ora rovino la tua ricetta :D ho dell'orzo soffiato, delle albicocche disidratate e dei datteri di cui non so più cosa fare... posso buttar dentro tutto (ovviamente tagliato a pezzettini piccini)? Non odiarmi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ihihihih, vai tranquilla! Questa è soltanto una delle tantissime versioni che ho provato. Ci ho messo anche le mele disidratate, le noci, frutti di bosco disidratati, anche i semi di girasole! Tutto buono ;) E come potrei odiarti se ti adoro? :*

      Elimina
  4. Ahaha che cara!! :) Le mie barrette sono in forno in questo momento, destinate ad arrivare in mano a tre architetti disperati (io, Fotomangio e una mia amica)... Alla fine c'è finito dentro di tutto, ma devo dire che il colore era stupendo, appena sforno ti faccio sapere anche come sono venute (e sappi che se non saranno all'altezza non darò la colpa a te, ma alla mia temporanea incapacità di abbinare alimenti :D )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho davvero un debole per voi... architetti golosoni!!! :*

      Elimina
  5. Buoooooooooooooneeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee ^_^

    RispondiElimina
  6. Una curiosità: e se invece di passarle al forno, provassi a compattare le barrette in frigo, verrebbero bene comunque?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Credo di averti risposto su FB, hai provato con il frigo? Risultato?

      Elimina

Cosa ne pensate?